Crea sito

Staff

Staff

Laura Adamo : Presidentessa

Laura Adamo

Presidentessa

Mi chiamo Laura Adamo, ho 27 anni e sono la presidentessa dell’Associazione Attiva-Mente.
Mi sono laureata nell’Aprile del 2012 in Sociologia e Politiche Sociali presso l’Università degli Studi di Perugia.
Durante il mio percorso di studi ho svolto vari tirocini formativi presso Case famiglie che danno ospitalità a ragazze madri e minori con situazioni di multi problematicità o a disabili psichici. Ho partecipato inoltre anche ad uno stage, da Febbraio a Giugno 2011, presso la Regione Umbria, Direzione dei Servizi Sociali – Settore Programmazione Politiche Giovanile ed infatti la mia tesi di laurea magistrale verteva proprio sulle politiche giovanili a livello comunitario, nazionale e locale.
Dopo la mia Laurea, da Giugno 2012 a Giugno 2013, sono stata una Volontaria di Servizio Civile Nazionale, in un progetto dal titolo “Agape dei Piccoli Fratelli” presentato dalla Caritas Diocesana di Noto e svolto presso l’Associazione Piccoli Fratelli Onlus di Modica, la quale si impegna da anni nel dare assistenza ai disabili.
Da Marzo 2013 mi trovo all’interno dell’Associazione Attiva-Mente ,che ho contribuito a costituire perché troviamo doveroso lavorare con i giovani e per i giovani, i quali sono stati dimenticati ultimamente dalle Istituzioni, dando loro l’opportunità di una formazione diversa da quella a cui sono abituati (applicheremo durante i nostri laboratori e i nostri progetti il metodo dell’educazione non formale) , di svolgere attività di volontariato all’Estero insieme ai loro coetanei di altri Paesi Europei e contribuire a far crescere una coscienza europea.

laura.adamo86@gmail.com
Vincenzo Giannone : Responsabile Gioventù in Azione

Vincenzo Giannone

Responsabile Gioventù in Azione

Mi chiamo Vincenzo Giannone, ho 29 anni e sono il Responsabile per "Gioventù in Azione" dell'Associazione Attiva-Mente

Mi sono laureato in Studi Politici Comunitari ed Europei presso la Facoltà di Scienze Politiche dell'Università di Messina nel 2009

Subito dopo mi sono occupato di blogging e giornalismo amatoriale, ma la mia verà passione è stato l'attivismo. Ho fatto parte di numerose associazioni come il Gruppo 243 di Amnesty International a Messina, l'Associazione Culturale CinqueQuarti (sempre nel capoluogo peloritano) e ho fatto parte del gruppo Scout Agesci Pachino 2 dall'età di 11 anni fino alla maggiore età.

L'evento che mi ha cambiato la vita è a reso possibile l'avventura di Associazione Attiva-Mente, è la mia partecipazione al Servizio Volontario Europeo. Dopo un anno e mezzo di peregrinazioni, riesco a partire ad Aprile 2011 a Sliven (Bulgaria) per uno SVE di un mese, dove insieme ad un team di polacchi, bulgari, italiani, turchi e greci, organizzo un festival di musica balcanica. L'organizzazione che mi ha inviato è l'Arcistrauss di Mussomeli, che non ringrazierò mai abbastanza, e che mi proporrà uno SVE "lungo" di otto mesi ad Arad, Romania.

In Romania ha luogo il mio secondo SVE, ben più impegnativo per durata e tema. Mi occupo ad Arad di un centro ecologico, di una compagnia teatrale e di attività di cittadinanza attiva con i giovani dei vari licei presenti nella mia seconda città (ormai!). Sono in un team comprendente lettoni, tedeschi, sapgnoli, turchi e macedoni. Tra i tipici alti e bassi di uno SVE, capsico che questo è il mio mondo e questa è la mia vocazione. Ritorno in Sicilia e mi metto al lavoro insieme alla Presidentessa per fare si che anche Modica un giorno possa inviare volontari e riceverne altri.

Nel frattempo, seguo due Training Course finanziati dall'Unione Europea (alla faccia che l'Europa non aiuta i giovani!!, ma ci tornerò dopo); uno nella mia seconda città  (Arad) dove seguo un corso sulla mentorship nei progetti SVE; un'altro a Sofia (Bulgaria) dove facciamo partecipare la prima persona, Carmelo Galfo, ad iniziative di questo genere. Nel secondo caso, abbiamo esposto la città di Modica a mezza Europa ed abbiamo condiviso buone pratiche a livello di progettazione e di management.

Capisco che chi dice che l'Europa è inutile o che l'Europa non fa nulla per i giovani, lo dice per mancanza d'informazione o per inerzia. Invece penso che l'Europa può migliorare, ma che da un punto di vista di formazione personale e di opportunità, ma che al contempo presenti già opportunità che non abbiamo (a livello LOCALE) sfruttato a pieno.

Ed eccoci qua, chiedete e vi sarà detto!

nzinorock84@hotmail.it